Informativa sui Cookie
Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di utilizzo (cookie statistici) e per personalizzare i messaggi pubblicitari (cookie di profilazione). Leggi l'informativa per approfondire.
Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione di terze parti per continuare a navigare su questo sito, se non vuoi acconsentire ti invitiamo a chiudere la finestra o la scheda del tuo Browser.
Non accetto Esci dal sito.
Leggi l'informativa 
home page Scuola Surf Tanaonda

TanaOnda

News


I comuni infortuni surfistici!
I comuni infortuni surfistici!
Articolo di Nico P.
Giovedì - 21 Maggio 2020 8:53     Visualizzazioni: 303

infortuni del surf dopo un wipeout
infortuni del surf dopo un wipeout

3 comuni infortuni surfistici e come prevenirli


Focus di Blide



Di norma il surf non viene considerato uno sport pericoloso ma si può incorrere in situazioni di infortunio.


Blide vi parla dei tre comuni infortuni surfistici e alcuni consigli su come prevenirli!

Infortuni alla testa

Ci sono diversi modi con cui si può incorrere in un infortunio alla testa durante il surf. Uno dei tre comuni infortuni surfistici, è caratterizzato da microfratture del cranio o tagli. Il contatto diretto le pinne o la tavola. Il vento e le onde possono inoltre contribuire ad accellerare in maniera considerevole l’impatto: con la stessa frequenza le persone colpiscono anche la testa su sabbia dura, rocce oltre a tavole e teste di altre persone. 

Inoltre le pinne diventano delle lame che possono causare tagli e lacerazioni.

Consiglio: indossare un casco è il modo migliore per evitare lesioni alla testa durante la surfata. Proteggi la testa con le braccia ogni volta che cadi o che fai un wipe out.

Indossare una muta, anche d’estate, previene tagli e lacerazioni su gran parte del copro
Distorsioni e fratture

Ci sono diversi modi in cui un surfista può rompersi ossa o stirarsi un muscolo mentre è in acqua. Una delle cause più comuni è colpire il fondale in acque poco profonde: situazioni come queste possono coinvolgere il collo, la caviglia o il braccio. Bisogna quindi saper leggere la situazione di surf nel modo ottimale prestando attenzione alle alte velocità in acque basse. Infortuni muscolari alle spalle e alle caviglie possono essere causati da movimenti a freddo e senza il necessario riscaldamento.

Consiglio: riscaldati prima di entrare in acqua e non esagerare se non sei in forma. Evita i fondali bassi se il tuo livello di surf non te lo permette!

Praticare Yoga aiuta ad aumentare la flessibilità e a prevenire infortuni
un'onda italiana mentre frange creando un tubo, una forma eccezzionale per chi ama il surf radicale
Infortuni causati da sforzi ripetitivi

Remare con forza può essere uno dei più comuni infortuni surfistici e una causa di lesioni da sforzo ripetitivo e contratture. Se non si è abituati all’attività e non hai fatto stretching prima, si rischiano infiammazioni delle spalle o lesione della cuffia. Problematiche che, se trascurate, possono tenerti fuori dall’acqua per diverso tempo!

Consiglio: scaldati bene prima di andare in acqua. Assicurati di avere una muta che non limiti eccessivamente il movimento, mute di bassa qualità risultano essere restrittive e tendono a lacerarsi o scucirsi. Siate consapevoli del vostro corpo quando state nuotando e riposate se siete stanchi o avete qualche dolore o disagio.

Non sottovalutare mai dolori e stanchezza, il tuo copro e il tuoi surf ti ringrazieranno!
Il surf può essere pericoloso, ma prendere alcune semplici precauzioni ti aiuterà ad essere più costante nella pratica!
COMMENTI (0)
Scrivi il tuo commento
* Nome
* Email (non viene pubblicata)
*
quale la citta dove si trova TanaOnda?
*
* - Risposta obbligatoria